LIVE
 
GARY LOW
Torna indietro
Agli inizi degli anni ottanta nasce a Roma una nuova tendenza musicale che prenderà in seguito il nome di “ Spaghetti Dance ” ed uno dei protagonisti in assoluto di quegli anni è proprio Gary Low,che con diversi successi internazionali traccia insieme ad altri artisti residenti a Roma la via di questa straordinaria innovazione. Nato nel 1954 in una famiglia di artisti ( suo padre era il cantante del mitico gruppo degli anni 60” ( Los Paraguayos ), Gary Low comincia subito a conoscere il sapore del palcoscenico ed il profumo delle chitarre usate appunto da suo padre negli spettacoli, tanto che all’età di soli sei anni in occasione di una tournee del padre, si esibisce dal vivo a Johannesburg, in Sud Africa, riscuotendo il plauso e l’ammirazione di tutti i presenti. Inizia cosi una carriera di spettacoli, di studi e di vita, riferita in specifico al mondo della musica e dell'arte, portando Gary Low a maturare una grande esperienza in materia. Oltre a suonare diversi strumenti, dipinge, scrive poesie e disegna moda, (gli abiti che indossa sono frutto delle sue idee). Gira il mondo, suonando e cantando con il gruppo di suo padre per diversi anni, nel frattempo continua gli studi e lavora anche come modello, interpretando diversi spot televisivi e fotoromanzi, partecipando a sfilate e a servizi fotografici di moda. Nell’estate del 1982 esplode il suo primo singolo dal titolo: “ You are a danger “ vendendo in tutto il mondo, Stati Uniti compresi più di sei milioni di copie, al quale fa seguito nel 1983 un secondo singolo “ I want you” che eguagliando l’esito del primo, viene inserito d’onore nella colonna sonora del film “ Vacanze di Natale “ ed in seguito citato nel film “ La meglio gioventù 2 “ e nel “ Il Caimano ”, di Nanni Moretti, sempre nell’ 83 esce un suo terzo singolo “ Forever tonight and all my life “ che insieme al primo album “ Go on “, lo consacrano definitivamente ai favori del grande pubblico internazionale, ottenendo cosi molteplici riconoscimenti tra cui diversi dischi d’oro e di platino. Finalmente nel 1984, Gary canta per la prima volta nella sua madrelingua, lo spagnolo, portando al successo mondiale (sette milioni di copie) una vecchia Cumbia dal titolo: “ La Colegiala “ che diventerà poi un evergreen ancora oggi ascoltatissimo ed inserito in centinaia di compilations in tutto il mondo . Nello stesso anno riceve in Campidoglio il prestigioso riconoscimento “Premio Personalità Europea” insieme ad Alberto Sordi, Eros Ramazzotti, Enrico Coveri ed altre personalità, per il grande successo della sua musica nel mondo. Nel 1985 produce per Raffaella Carrà una canzone in spagnolo “Quiero Cantar” inserita nell’album “Fidati” Nel 1986 esce un nuovo single “ I wanna be with you “ che bissando ancora una volta i successi pregressi, apre la strada al secondo singolo in spagnolo “ Niña “ e al successivo album dal titolo “ Rien ne va plus “, dal quale viene estratto anche il singolo “ How Much ”. Tutto ciò, porta Gary Low a vivere fin da ragazzo un realtà molto particolare, non concessa a tutti, realtà che egli percepisce in ogni sua sfaccettatura e che lo rende poi un uomo di grande sensibilità umana, dotandolo di una creatività fuori dal comune. Rispondendo al suo bisogno di “creare”, negli anni novanta, costruisce con le sue mani il suo primo studio di registrazione dove poter realizzare in ogni momento le sue idee, impara poi i segreti della registrazione sonora, frequentando dei corsi in Inghilterra per specializzarsi. Fonda in seguito due etichette discografiche, nelle quali produce oltre alle sue canzoni, anche diversi altri artisti. In questi ultimi anni con il grande ritorno degli anni ottanta è stato ospite varie volte nelle trasmissioni TV di Carlo Conti, “I Migliori Anni” e “Cinquanta Canzonissime”, e tuttora si esibisce con successo in tutto il mondo, in serate “Vintage” dedicate a quegli anni. In giugno 2015 esce in tutto il mondo una sua nuova canzone intitolata “Bailame asi” composta, arrangiata e suonata dallo stesso Gary Low, subito dopo viene anche presentato il relativo video.
GARY LOW
VIDEOS
Apri
SHARE THIS