DEEJAYS SET
 
RICKY MONTANARI
Torna indietro
Riccardo Montanari nato a Rimini, si appassiona sin da giovane al mondo della musica. Alla fine degli anni settanta, quando la professione di dj non era ancora molto diffusa e definita come oggi (specialmente in Italia), è stato uno di quelli che con serietà hanno contribuito alla nascita e a uno sviluppo di una musica house italiana. Questa passione per la musica innovativa porta Montanari a passare interi pomeriggi ad ascoltare vinili e a collezionarli, cominciando da diverse centinaia fino ad arrivare alla sua collezione di ben 40 mila dischi. Montanari grazie alla sua ampia visione degli stili musicali acquisisce un gusto e una conoscenza dei vari linguaggi delle melodie, che apportano tuttora al suo lavoro diverse contaminazioni portandolo ad avere uno stile sempre nuovo e innovativo.La storia professionale di Ricky Montanari inizia a metà degli anni ottanta, esordendo a fianco del vecchio amico Cirillo all’Insomnia di Cattolica. Subito dopo è al Peter Pan diRiccione, dove inizia a farsi notare dagli addetti ai lavori. Il suo noviziato coincide con l’esplosione anche in Italia della House music, ed è proprio in quel periodo che Ricky si trasferisce nella “capitale della musica”, Londra, da dove importa direttamente le più ricercate produzioni introvabili sul mercato italiano, facendo conoscere, anche al pubblico italiano, sonorità assolutamente nuove, con rivisitazioni moderne della vecchia funky e della musica nera. Così facendo Ricky Montanari va a costituire una delle punte didiamante di questa schiera di professionisti. Nel 1988 diventa resident all’Ethos Mama Club di Gabicce Mare e nello stesso periodo è protagonista assoluto del primo after hour italiano, il “Diabolika’”. Il nome di Montanari si lega in maniera indelebile al “Vae Victis”, un grande after hour nato dall’esperienza del “Diabolika”, che diventò così di tendenza tra i giovani da essere votato alla rivista specialistica inglese “DJ mag” come uno dei Club più belli del mondo. Agli inizi degli anni novanta è tra i protagonisti dell’Echoes di Misano Adriatico, e del Matis club di Bologna, e nello stesso periodo torna a Londra per stringere rapporti professionali con molte figure di spicco dell’house fra i quali: Kid Batchelor, con cui divide la consolle del “Confusion”. A partire da questo periodo la bravura di Ricky viene riconosciuta in tutto li mondo portando a suonare un po’ ovunque: da Los Angeles aManchester, Tokyo, Rotterdam, Barcellona, Monaco, Bruxelles, Zurigo, Singapore, Miami senza tralasciare il famoso “Dance Valley” di Amsterdam e il club “Stereo” a Montreal considerato uno dei miglior Club nel mondo. Di pari passo alla diffusione delle sue serate, Ricky diventa produttore discografico e remixer. Tutto questo a conferma della sua precisione stilistica che lo ha reso noto.
Ricky Montanari
TWITTER
Apri
VIDEOS
Apri
SOUNDCLOUD
Apri
SHARE THIS